Inverno 2016/2017..iniziamo a parlarne?
#91
E veniamo, come promesso, ad una piccola analisi.
Dunque, le forzanti in gioco a mio parere a nostro favore, sono essenzialmente due: le SSTA attuali e la tendenza ad un VP fortemente disturbato, così come lo è stato per tutto ottobre e novembre (e, da letteratura, un VP destabilizzato in quei mesi, molto difficilmente in inverno tende alla compattezza). A questo aggiungo l'avvio di una debole La Nina, al più moderata.
Quali i punti a sfavore: a mio modesto avviso, una QBO+ (questo indice non è riuscito a virare in territorio negativo, e, come avevo paventato già a settembre, era chiaro che non lo avrebbe fatto), ed una Nina poco decisa; però: è vero che una QBO- avrebbe favorito flussi antizonali (e, cioè, tendenza dei venti da est verso ovest anziché il contrario come in regime di QBO+), ma abbiamo avuto buoni inverni anche in territorio positivo, per quanto riguarda questo indice. Sulla Nina: sarebbe stata meglio averla moderata /forte, perché sono sempre stato convinto, e nessuno me lo toglierà di testa, che una buona Nina sortisce un effetto "dopante" sull'alta pressione delle Azzorre, favorendone elevazioni stupende...Ma, anche qui, non ne farei un dramma: comunque avremmo una Nina debole, o, al massimo, moderata, il ché andrebbe bene; come accennavo, sono ben fiducioso nell'assorbimento delle brutte anomalie negative delle acque in nord Atlantico [e qui parliamo delle SSTA] (specie a largo di Terranova): fino all'anno scorso ne eravamo pieni (ricordate il "blob atlantico"?), anche davanti alle coste del Regno Unito, Spagna e Portogallo /Marocco; bene, ad oggi di esse non c'è più traccia, e ciò è solo un bene: infatti, ho sempre ritenuto che anomalie negative in termini di SSTA sono la causa principale (certamente non l'unica) delle tanto temibili "derive iberiche" delle colate fredde: queste anomalie negative inibiscono una solida strutturazione di blocco azzorriano in posizioni a noi congeniali; ecco perché io escludo quest'inverno passaggi troppo alti e ad ovest.
Altro tassello: il riaccorpamento del VP che si vede dalle proiezioni emisferiche dei GM. Bene, queste fasi di vortice compatto sono del tutto fisiologiche nel periodo in questione: il VP è rimasto destrutturato per tutto novembre, non sarà di certo a gennaio o dicembre ad essere immobile e compatto (se non, per l'appunto, per brevi e naturali sortite); nè deve far pensare a male la sua migrazione dalla sede siberiana a quella canadese, così come pure i modelli lasciano intravedere: anche qui, si tratta di un normalissimo movimento del VP, che, quasi come ad effetto "ping-pong", cerca una sua collocazione e tende a spostarsi da un lato all'altro; ma quest'anno è palese, predilige la strada russa, e, vedrete, lo farà nuovamente a breve.
Fatte queste premesse, io penso ad un periodo invernale (prima parte) compreso tra 25 dicembre e primissimi di gennaio in cui ci troveremo sotto correnti moderatamente fredde nord atlantiche, che, con movimento NW-SE, saranno in grado di generare depressioni in sede mediterranea, e da cui scaturiranno nevicate in montagna sull'Appennino a quote medie; ciò perché l'alta delle Azzorre assumerà una sorta di "curvatura" a sinistra, verso il Labrador, chiudendo la porta basso atlantica e facendo scorrere sul suo bordo orientale correnti fredde artico-marittime; passato questo periodo, per la prima settimana del nuovo anno avremo una parziale affermazione del tempo stabile sull'Italia, con, al più, qualche lieve disturbo di passaggio. Sarà dall'8-9 gennaio che l'alta delle Azzorre avrà spazio libero per puntare verso nord, complice un buon invorticamento del canadese: questo premetterà una buona spinta azzorriana: da questo momento in una primissima fase avremo una discesa artica con buon freddo e neve sui rilievi; ma da qui, essendosi intanto ben strutturata la radice dell'HP in oceano, l'alta azzorriana potrà cominciare a piegare verso nordest, puntando verso la Russia europea...
Campobasso
Condividi Cita messaggio
#92
...proprio in tale sede si verrebbero nel frattempo a creare tutte le condizioni per la formazione di condizioni di gelo; infatti, il VP destabillizzato del tutto, arriverebbe ad una bilobazione: una buona porzione stanzierebbe sulla Russia europea. Questo sarà un momento decisivo; vorrei porre l'attenzione sulla probabile formazione di un nocciolo gelido (fino a -20 ad 850 hpa) che collocherei, grossomodo, tra Polonia ed Ungheria, in parziale avanzamento verso sudovest, e, dunque, sulla vicina area balcanica. Come dicevo, l'HP in oceano punterebbe verso nordest, permettendo ad un flusso di aria molto fredda di riversarsi sull'Adriatico: da qui ingresso franco delle correnti fredde e formazione di depressioni in sede basso tirrenica, grazie all'apporto di aria più umida proveniente dal nord Africa, dovuto ad un parziale cedimento dell'alta azzorriana alla sua base; si aprirebbe, nel periodo in questione (14-18 gennaio), un evento invernale ben degno di nota, con precipitazioni abbondanti sui nostri settori, e isolamento (cut-off) di una "goccia italica" in lenta migrazione verso levante.

Ecco, questo è il periodo di riferimento che io, da oggi, valuto come prima parte dell'inverno. Ciò lo dico sulla base di tutte le considerazioni che ho fatto sopra.
N.b. Ritengo ancora del tutto intatte le possibilità di una prima fase fredda e nevosa per noi dal 16/17 del mese e fino a ridosso del Natale (22-23 dicembre).
Campobasso
Condividi Cita messaggio
#93
Lo "scontro" tra titani è iniziato
Cmq Vim la tua visione non si discosta molto da quella di Gianfranco... tu parli della prima ondata tra il 16/17, Gianfranco intorno al 20...siamo lì, giorno più giorno meno. Gianfranco sia aspetta due ondate tra il 20 e il 31, tu la seconda verso fine mese e quindi le due versioni vostre combaciano!!!
Leggermente diversa tra voi è la prima parte di gennaio!!!
Comunque in ogni caso speriamo bene per un buon inverno


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Condividi Cita messaggio
#94
Mario, post: 8645, member: 13 Ha scritto:Lo "scontro" tra titani è iniziato
Cmq Vim la tua visione non si discosta molto da quella di Gianfranco... tu parli della prima ondata tra il 16/17, Gianfranco intorno al 20...siamo lì, giorno più giorno meno. Gianfranco sia aspetta due ondate tra il 20 e il 31, tu la seconda verso fine mese e quindi le due versioni vostre combaciano!!!
Leggermente diversa tra voi è la prima parte di gennaio!!!
Comunque in ogni caso speriamo bene per un buon inverno


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


Ahaha, Mario, questa mi è piaciuta:-)
Si, infatti come dicevo all'inizio,
la mia lettura è parzialmente in linea con quella di Gianfranco; come hai detto tu, per la primissima parte sembriamo d'accordo, dato che per entrambi qualcosa dovrebbe vedersi entro fine anno (sebbene io, come dicevo stamattina, lascio una riserva sulla fase 29-31 dicembre).
Invece, come hai detto, discordiamo piuttosto notevolmente sulla tendenza di gennaio: Gianfranco è filo-occidentale, diciamo; mentre io, vedo molto più coinvolto l'ingresso dalla strada da "Trieste"...Che ci vuoi fare, voglio troppo bene alla porta balcanica:-)
Comunque dai, scherzi a parte: inizia la febbre da run, stiamo per apprestarci al periodo più bello per gli amanti della stagione fredda: ci sarà da sudare, spesso ci esalteremo davanti a certi run, altrettanto spesso manderemmo all'aria tutto. Ma una cosa è certa: sarà bello vivere tutti assieme un altro inverno, sperando che ci possa dare mille soddisfazioni:-)
Campobasso
Condividi Cita messaggio
#95
Non bisogna avere fretta, purtroppo ci sarà da soffrire e da lottare e la tempistica non è affatto banale.

Oggi gli americani danno un sonoro schiaffone ai sogni di gloria.

Ma sarà così?
Condividi Cita messaggio
#96
Gianfranco, post: 8656, member: 2 Ha scritto:Non bisogna avere fretta, purtroppo ci sarà da soffrire e da lottare e la tempistica non è affatto banale.

Oggi gli americani danno un sonoro schiaffone ai sogni di gloria.

Ma sarà così?

Concordo Gianfranco. Come dicevo ieri, il "trucco" è quello di non disperarsi per 1,2,3...run che vanno male; bisogna guardare i modelli (preferibilmente fermarsi entro le 144 ore, massimo 168) con freddezza, col giusto distacco. Poi, se le cose andranno male per noi che aspettiamo il freddo e la neve, pazienza: avremo passato un periodo insieme a commentare carte e imparando qualcosa. Secondo me, oltretutto, ci sono due aggravanti che non aiutano di certo coloro (me per primo) che aspettano tutto l'anno la neve, e cioè 1) dimenticare, troppo spesso, che l'inverno da noi (ahimè) è fatto solo di episodi, e questo da sempre; 2) il periodo natalizio con lucette ed alberelli: capisco che l'atmosfera ci fa sognare la neve, ma troppo spesso si dimentica che da noi, storicamente, sono pochi i natali innevati...(questa è una prerogativa degli USA, mortacci loro...Smile).
Comunque dai, vediamo che accade. I modelli non sono malaccio, la colpa di questo scivolamento verso est della saccatura fredda è dovuta a quelle continue depressioni che sforna il Canada, dal Labrador: non fanno altro che spingere l'hp ad est, buttandocela praticamente addosso. L'alta azzorriana, stavolta, non ha colpe, perché poveretta, a salire sale, ma...
Va bene, basterebbero un 500km di hp più ad ovest: e, come sappiamo, in meteorologia, viste le proporzioni, non sono chissà che.
Vediamo dai.
Campobasso
Condividi Cita messaggio
#97
E' presto per gioire o disperare secondo me: normale balletto modellistico. Quando si parla di freddo da Est o retrogressioni è sempre cosi, anzi spesso la certezza non la si ha nemmeno 96 ore. Quindi io, per ora, mantengo l'aplomb Big GrinBig Grin Tireremo le somme definitive (per quanto riguarda la seconda decade) dopodomani sera credo. E lì, nel caso, giù con gli insulti o con lo champagne...
Campobasso
Condividi Cita messaggio
#98
Secondo me state anticipando il target..; un run ha mandato (giustamente) tutti in euforia (anticipata?)


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Condividi Cita messaggio
#99
Sembrano pochine le possibilita che si realizzi il primo affondo con target 13/14..
non oltre il 20%

[Immagine: senspanel2161.gif]
Condividi Cita messaggio
No no, io la ritenevo (e lo credo tuttora) probabile la prima sfreddata per il 16-17 (intendiamoci, se sarà il 18 sarò contento lo stesso...). Poi, se sbaglierò, farà nulla.
Ma assolutamente non ho anticipato il target, sono proprio io che la vedo cosi...
Campobasso
Condividi Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 2 Ospite(i)